Manoscritti leopardiani trasferiti da Visso a Bologna, Pieroni precisa

 
L’assessore Pieroni precisa: “ Si tratta di un‘operazione già programmata da tempo per la realizzazione di un evento culturale a Bologna. Fuorvianti le considerazioni allarmanti sulla custodia a Bologna perché le Marche non avrebbero adeguate collocazioni per conservarlo .”
 
 
Ancona – In riferimento alle notizie uscite in queste ore sui media nazionali e locali sul trasferimento “per un’operazione di solidarietà” a Bologna del manoscritto originale dell’Infinito di Giacomo Leopardi, conservato nel Museo di Visso, l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni ha precisato quanto segue:
“ Si tratta di  un trasferimento temporaneo già programmato da tempo, in modo autonomo, sulla base di

Clicca qui per leggere la news da Il Mascalzone.it